Tregnago: come se ghe và

 

Fra quatro montesei

in mezo de 'na vale,

ghe j era tri castei;

i dise che i rissale

ai Çimbri in te quei ani,

che i ghe disea Romani!

 

Adesso che parlemo,

de tri ghe n'è uno sol,

e po, a vardarlo, temo,

che no'l sia gnanca fìol

di quei so pari, o noni

che i fusse, o so bisnoni.

 

Mi digo, che i Scaligeri

l'à bù per so padroni;

ma lasso a tuti i storiçi

de dir le so rasoni.

L'è tanto mal andà

che apena el nome el g'à.

 

La val va fin al Vago,

e, egnendo sempre in su

se cata i Lasi, Çélore,

e andando in su de più,

se vede, come un mago,

el Castel de Tregnago.

 

Mi penso, che Tregnago

vegna dal latin sodo

intra tria moenia ago,

fra tri castei me godo;

e i se godea de fato

in quel Castel spietato.

 

Perchè quei che fora

j era tratè da cani,

lori i sentea che zizola

vegnéa dai castelani,

che j era dentro e fora,

'na vera e gran malora.

 

A sera del Castel

dove prinçipia el ponte

comincia una simpatica

stradeta, che sul monte

te porta su a bel bel

de fianco a un torentel.

 

La vista de Tregnago

te se presenta soto

stupenda, e po' magnifica.

El Progno suto e roto,

che el par un fil de spago,

quan l'è viçin al Vago;

 

Piante de sempreverde,

strisse che par de argento,

casete che par pègore

o frati pel convento;

e l'ocio che se perde

tra boschi e macie verde.

 

Par che el te basa el vento

e che te leca el sol,

te senti le garissole

che te le ciapa el col,

te provi un sentimento

de tuto sto contento.

 

Te vedi capitéi

e pigni e castagnare,

vilegiature e rócoli

e bàiti, e po' preàre,

che forma un de quei bei,

che se conta sui diéi.

 

La valeta de Verdéla

la te incanta adiritura,

e te par fin impossibile,

che là drento, la natura

l’abia fata cossi bela,

che te dise: Sì, vardéla.

 

Su una strada de çità

te camini a cor contento,

e te arivi senza acórserte

alla Croçe del Bon-Vento,

là, se vede la contrà

che Fineti i l'à ciamà.

 

Cari siti dei me noni

dove è nato me pupà

al vederve el cor me sbisega

come el fa te i 'namorà!

Là g'ò fato i primi soni

sui zenòci dei me noni.

 

Tratto da: B. Finetto dei Rosini, Ai Fineti. Un toco de storia de Tregnago, Giazza-Verona 1991, pp. 41-42.